Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy
Cliccando sul pulsante "Accetto" acconsenti all’uso dei cookie. Accetto
Ricerca l'auto che desideri. Scegli una tipologia:

- auto online disponibili per te

Km
da 0 a 106.218
da 0 a 179.000
da 0 a 0

New Mobility FAQ

Diamo risposta ad alcune delle domande più frequenti sulle nuove motorizzazioni
07.04.2021

Diamo risposta ad alcune delle domande più frequenti sulle nuove motorizzazioni

1. Che differenza c'è tra un'auto elettrica e una ibrida plug-in?

La differenza fondamentale tra una vettura ibrida plug-in ed una vettura elettrica consiste nel fatto che la prima presenta un motore a combustione tradizionale coadiuvato da un motore elettrico, che si ricarica tramite presa elettrica oppure recuperando energia durante la guida. La seconda invece presenta un solo motore dotato di batterie, le cui prestazioni si misurano in kW che insieme ai kWh ne definiscono l'autonomia in termini di percorrenza.

2. Cosa signicano gli acronimi PHEV, BEV e MHEV?

- Vetture MHEV (Mild Hybrid Electric Vehicle): il motore elettrico supporta il motore a combustione per migliorare consumi e prestazioni di guida. Non presentano una presa di corrente poiché si ricaricano durante le fasi di frenata o decelerazione, ma possono usufruire dell'accesso alle aree ZTL e dell'esenzione del bollo nelle Regioni che lo prevedono.

- Vetture PHEV (Plug In Hybrid Electric Vehicle): il motore elettrico e quello a combustione interagiscono e garantiscono la possibilità di guidare in modalità totalmente elettriche per alcuni km e sotto una determinata velocità. Presentano una presa di corrente sia continua che alternata e usufruiscono dell'accesso alle aree ZTL e dell'esenzione del bollo nelle Regioni che lo prevedono.

- Vetture BEV (Battery Electric Vehicle): presentano un motore esclusivamente elettrico dotato di batterie, garantendo performance di guida impeccabili sia su tracciati urbani che extraurbani ad impatto zero.

3. Dove si ricaricano le batterie e quanto tempo ci vuole?

Le auto elettriche si possono connettere ad una normale presa domestica, ma i tempi di ricarica si allungano. Le auto più piccole, con autonomia compresa tra i 100 e i 200 km, è necessiario collegarla per un'intera notte. Gli impianti elettrici con connettori a 16 o 32 pin sono più potenti, ma è necessario che la rete elettrica possa fornire più kW. Infine ci sono le stazioni di ricarica veloce, con una capacità compresa tra 40 e 135 kW e che consentono centinaia di chilometri di autonomia per ogni ora di ricarica.

4. Un'auto elettrica si può ricaricare se piove?

Sì, non c'è nessun pericolo di danneggiamento dell'auto, di corto circuito o di shock elettrici. Ci sono molti livelli di protezione, sia all'interno dell'auto che presso i punti di ricarica.

5. Durante la stagione invernale l'autonomia diminuisce?

Come le auto con motore a combustione, anche quelle elettriche consumano di più con il freddo ma non così tanto da pregiudicarne le prestazioni. Le batterie sono mantenute alla corretta temperatura durante la guida e data la totale efficienza del motore elettrico non si genera calore residuo e il riscaldamento dell'abitacolo viene gestito elettricamente; inoltre l'interno dell'auto si può pre-riscaldare già durante la ricarica, senza utilizzare l'energia stoccata nelle batterie. 

6. Un'auto elettrica è più pericolosa in caso di incidente?

No, supera con ottimi risultati gli stessi crash test delle auto con motore a combustione. Le batterie sono completamente isolate dal resto del veicolo e non esplodono in caso di incidente. Inoltre le batterie hanno una buona resistenza termica e anche qualora dovessero prendere fuoco, l'incendio si propagherebbe lentamente.

7. Come si guida un'auto elettrica e quali sono le sue peculiarità?

Si guida come un'auto tradizionale con il cambio automatico. Sono presenti i pedali dell'acceleratore e del freno e la leva del cambio con le classiche posizioni P, R, N e D. Il rumore e le vibrazioni sono azzerate e la potenza viene erogata in modo istantaneo e continuo, senza interruzioni dovute ai cambi di marcia. Il pedale del freno si usa poco, perché il recupero dell'energia che si attiva sollevando il piede dall'acceleratore è già in grado di rallentare l'auto. Inoltre il baricentro risulta abbassato grazie al posizionamento delle batterie, garantendo così un piacevole assetto di guida.

8. Quanto durano le batterie di un'auto elettrica?

Il ciclo di vita delle batterie di un'auto elettrica è molto lungo. La loro durabilità è tale che quando le prestazioni non sono più idonee per le auto, possono essere riciclate in altre modalità di utilizzo statico.

 

Fonte: MODO


I nostri brand
© 2021 Vicentini S.p.A.
Via Marie Curie 17 - I - 39100 BOLZANO
P.IVA e C.F. 00439410234 - Capitale sociale € 5.000.000,00 i.v - REA BZ 229385
Iscrizione ufficio registro delle imprese di Bolzano numero 00439410234 data 28/01/2020 - PEC postacertificata@pec.vicentiniverona.it
Privacy Policy - Cookie Policy
SOGGETTA ALLA DIREZIONE E COORDINAMENTO VW AG - GERMANIA
Made in Web Industry
loading